,

CORSI PARALLELI IN OCCASIONE DEL QUARANTENNALE A VENEZIA IL 09/02/2019

Celiachia: solo con la diagnosi si fa prevenzione.

A Venezia il 9 Febbraio il quarto evento dei convegni paralleli promossi dell’Associazione Italiana Celiachia in tutta Italia

 

In Veneto mancano all’appello 36.088 celiaci. Tanti sono i pazienti nella regione in attesa di ricevere una diagnosi di celiachia, una malattia ancora difficile da individuare, che, come un camaleonte, si nasconde spesso per molti anni. Nel 2019 l’Associazione Italiana Celiachia porta in tutta Italia i convegni paralleli per aggiornare la classe medica sul tema della diagnosi. Appuntamento presso il Novotel di Venezia Mestre Castellana, Sabato 9 Febbraio. 

Padova, 2019 – le diagnosi di celiachia aumentano, in Veneto come nel resto d’Italia, ma il divario tra celiaci diagnosticati e celiaci attesi è ancora troppo ampio. Basti pensare che le diagnosi attuali su piano nazionale sono solo poco più del 30% di quelle attese. La celiachia infatti, malattia cronica sistemica, multifattoriale e con componente genetica, colpisce l’1% della popolazione, quindi in Italia oltre 600.000 persone. “Anche in Veneto i dati confermano ampiamente il fenomeno delle diagnosi nascoste: solo 12.974 pazienti sanno di essere celiaci a fronte di un totale di 49.062 attesi. Significa che 36.088 persone, nella nostra Regione, sono celiache senza esserne ancora a conoscenza, con gravi conseguenze per la loro salute”, commenta Umberto Finardi, Presidente dell’Associazione Italiana Celiachia Veneto che Sabato 9 febbraio ospiterà a Venezia il quarto dei convegni paralleli rivolti alla classe medica (MMG, PLS e specialisti) accreditati ECM, promossi da AIC e incentrati sul tema della diagnosi.

Il fenomeno dei pazienti non facilmente individuati, anche a causa di sintomi non classici, ha suggerito ai medici la definizione di “camaleonte clinico”, una malattia che, se non diagnosticata, rappresenta un rischio per la salute dei pazienti e un problema di politica sanitaria significativo: il celiaco inconsapevole che assume glutine si espone a complicanze anche gravi, spesso irreversibili che ne compromettono la salute e gravano sull’intera collettività per i costi sanitari e sociali conseguenti. La diagnosi precoce di celiachia è una forma indispensabile di prevenzione.

Fondamentale, a questo proposito, la formazione della classe medica e la diffusione del Protocollo Diagnosi del Ministero della Salute, pubblicato in GU n. 191 il 19/08/2015, ma ancora poco applicato dalla rete medico scientifica. “Il legislatore affida – L.123/05 – alle regioni e alle province autonome il compito di definire un programma articolato che permetta di assicurare la formazione e l’aggiornamento professionali della classe medica sulla conoscenza della malattia celiaca, al fine di facilitare l’individuazione dei celiaci, siano essi sintomatici o appartenenti a categorie a rischio. Anche AIC, che nel 2019 compie Quaranta anni, vuole fare la sua parte: tra il mese di Gennaio e il mese di Marzo porteremo in tutta Italia il convegno “Protocollo di diagnosi e follow up” con l’obbiettivo di raggiungere un elevato numero di medici e diffondere informazioni scientifiche aggiornate e autorevoli sulla diagnosi e sul follow up della malattia celiachia”, dichiara Giuseppe Di Fabio, Presidente dell’Associazione Italiana Celiachia.

“È per noi motivo di orgoglio e soddisfazione ospitare in Veneto uno degli eventi del calendario dei convegni paralleli 2019 e le altre iniziative del fitto programma che celebra il 40esimo compleanno di AIC” afferma ancora Umberto Finardi “una grande opportunità per promuovere la prevenzione attraverso la diagnosi precoce, migliorare e garantire lo stato di salute dei pazienti di oggi e di domani, senza dimenticare le positive ricadute sulla spesa sanitaria.”

Per scaricare il programma della giornata, consultare il calendario dei prossimi appuntamenti e ogni ulteriore informazione è a disposizione il sito web http://convegnoscientificoaic.celiachia.it/

Per informazioni:

Umberto Finardi, AIC Veneto 340 9686174

Elisa Canepa, Comunicazione AIC Federazione 346 9856546

 

 

,

AGGIORNAMENTO MARCHIO SPIGA BARRATA 1/2019

Vi informiamo che le seguenti aziende hanno ottenuto la concessione d’uso del marchio Spiga Barrata per i seguenti prodotti:

BGS
linea Gnoccolosi
Gnocchi Rigati alla Zucca congelati

Centro Carni Company
Burger/USA 200 g Skin bovino adulto

Eurospin Italia
linea Amo Essere senza glutine Duca Moscati
Colomba con Gocce di Cioccolato

Fiorani & C.
2 Hamburger al Formaggio
2 Hamburger allo Speck
2 Tartare
2 Tartare di Scottona
2 Tartare di Vitello
4 Minitartare
Hamburger al Bacon
Hamburger di Scottona
Hamburger Magro
Hamburger Originale
Involtino di Vitello
Minihamburger di Scottona
Minihamburger di Vitello
Stinco di Suino
Tartare di Chianina
Tartare Gustosa

Giampaoli Industria Dolciaria
linea Meglio Senza glutine
La Colomba senza glutine ai Frutti di Bosco

Goldenfood
Fesa di Black Angus all’Inglese

Pam Panorama
linea Semplici e Buoni Senza Glutine
Tortina con Gocce di Cioccolato senza glutine

Probios
Dolce Natale senza glutine Bio
linea Multicereali
Ditali Multicereali  Bio
Fusilli  Multicereali Bio
Penne  Multicereali Bio
Sedanini  Multicereali Bio
Spaghetti   Multicereali Bio
linea Panito Senza Glutine
Salatini con Curcuma e Zenzero Bio

Rachelli Italia
linea Demeter
Gelato alla Fragola Bio

Riso Scotti
Chiccolat Riso e Mandorla Bio

Rugger
linea Lenti
Alette di Pollo Arrosto
Alette di Pollo Arrosto Piccanti

Comunichiamo, inoltre, l’uscita di produzione delle seguenti referenze:

Amadori
StikkiRoll
Salsicce E Fantasia Cotto di Tacchino
Salsicce E Fantasia con Speck ed Emmenthal
Salsicce E Fantasia con Spinaci ed Emmenthal
linea Wurstel 100%
Wurstel di Pollo e Tacchino con Formaggio Emmenthal

BGS
linea Golosipà
Ravioli Ripieni al Formaggio Bitto DOP congelati

Cameo
linea Paneangeli  Senza Glutine
Base per Pane, Pizza e Focaccia

Le Bontà
linea Nuova Terra
Liberi da – Mix di Cereali e semi di Chia con Quinoa, Miglio, Amaranto
Liberi da – Mix di Riso Orange con Grano Saraceno, Quinoa, Amaranto
Liberi da – Mix di Riso Violet con Mais, Miglio, Quinoa

Comunichiamo, infine, che le aziende Carioca, Farto,  Lidl Italia e  Vergani non hanno rinnovato il contratto di licenza d’uso del Marchio per tutti i prodotti.

È possibile visionare, in qualsiasi momento, l’elenco completo e aggiornato dei prodotti a marchio Spiga Barrata, qui: http://www.celiachia.it/DIETA/AziendeProdotti.aspx?SS=176&M=177